Disturbi della Condotta Alimentare, (parte prima)

Con questo primo articolo sui Disturbi della Condotta Alimentare, vorrei prima di parlare nello specifico di tali Disturbi, fare una breve premessa.

Vorrei dire che nel corso della mia vita professionale ho avuto tantissimi pazienti con questo tipo di Patologia, molto spesso ho dovuto evidenziare una scarsa coscienza di malattia e una sottovalutazione del problema da parte del paziente, ma spesso anche da parte dei propri familiari.

Ciò che spesso è però apparso evidente che il Disturbo di Condotta Alimentare non rappresenta quasi mai una diagnosi singola, ma spesso sottende la co-presenza di altre Diagnosi Psichiatriche come: “Disturbi dell’Umore”, “Disturbi d’Ansia”, “Disturbi di Personalità”, “Disturbo Bipolare”. Quindi molto spesso ci si trova a dover intervenire non solo sul Disturbo Alimentare ma spesso anche su altre Patologie in “comorbidità” con questa.

Altro aspetto molto presente nei pazienti con “Disturbo di Condotta Alimentare”, è la storia iniziale. Un’alta frequenza di questi pazienti arrivano in studio riferendo questa frase :”avevo cominciato una dieta……poi tutto è degenerato…..”.

La degenerazione di una “Dieta”, può avvenire sia nel senso della “Costrizione Alimentare” e quindi si arriva a quella che poi descriverò nel prossimo articolo ossia ad una diagnosi di “Anoressia”, oppure si può evolvere anche in “un non-contenimento del regime alimentare” e qui si arriverà alla diagnosi di “Bulimia Nervosa” con o senza Compenso, di cui si parlerà ampiamente nei prossimi articoli.

Quello che voglio sottolineare con questa premessa è che quando ci si approccia ad una “Dieta”, bisogna farlo nel modo giusto e ad affidarsi a professionisti del settore, quindi Medici specializzati, Biologi Nutrizionisti, Dietisti, insomma figure che abbiano le referenze giuste. Concludo evidenziando un po’ il fatto di diffidare di “Diete” drastiche, che promettono “Miracoli”, sul peso o diete costrittive. Purtroppo non tutti i soggetti sono adatti per tutti i tipi di “Diete”. Quindi bisognerebbe capire e scegliere bene il proprio regime dietetico, perchè è molto facile poi sviluppare un “Disturbo di Condotta Alimentare”, che per forza di cose non deve avere una gravità estrema, ma può comunque interferire sulla qualità della vita della persona inetressata.

ăn dặm kiểu NhậtResponsive WordPress Themenhà cấp 4 nông thônthời trang trẻ emgiày cao gótshop giày nữdownload wordpress pluginsmẫu biệt thự đẹpepichouseáo sơ mi nữhouse beautiful